[ November 18, 2020 0 Comments ]

Consigli non richiesti ai governanti

In modo molto prevedibile è ripresa la “paura del contagio” e certamente non voglio entrare nel merito politico della gestione dello stesso.

Il grande dilemma di oggi: Morire di Covid-19 o Morire di economia cioè di fame. La salute dei cittadini è naturalmente un aspetto prioritario ma va trovato un equilibrio tra la salute e l’economia, che non è certamente semplice, senza considerare le grandi sfide internazionali ed i rapporti in continua mutazione tra USA e CINA. Sono circa 10 anni che la nostra economia soffre sia per problematiche strutturali mai risolte, che per eventi endogeni come la crisi bancaria del 2008 e di conseguenza del debito del 2011. Vorrei ricordare che oggi il livello di PIL reale non ha ancora ancora stato raggiunto il livello del 2007 dove però il rapporto debito/PIL era del 105% circa raggiungendo il 133% nel 2019. Ci furono prima gli interventi della BCE per aiutare il sistema UE e gli egoismi degli stati divisi tra falchi (rigoristi e puri) e colombe (keynesiani e spendaccioni); la BCE grazie alle clausole di salvaguardia supportò gli stati europei ma nonostante ciò si parlò della “coperta toppo corta”. Oggi abbiamo un Europa i cui gli eventi storici hanno costretto i miopi governanti di oggi ad avere una visione dell’insieme e strategica del futuro: per la prima volta si è parlato di bilancio europeo, di debito europeo, di aiuti europei. Una visione sino ad ora era stata completamente assente se non tramite interventi in extremis per evitare la rottura del sistema.

Tornando ai numeri:

ll Fmi aveva migliorato le stime per l’Italia per il 2020, tagliando quelle per il 2021. Per l’economia nazionale era attesa quest’anno una contrazione del 8,6%, in miglioramento rispetto al -12,8% previsto in giugno. Il prossimo anno il Pil è invece stimato in rialzo del 5,2%, ovvero l’1,1% in meno rispetto alle stime di giugno. La Nota di aggiornamento al DEF stilata dal governo di Giuseppe Conte prevede -9% quest’anno e +6% il prossimo. Non sembrano attenuarsi gli effetti del Covid sulla disoccupazione in Italia per la quale il Fmi prevede un livello pari all’11,0% nel 2020, in aumento rispetto al 9,9% del 2019.   Sul fronte del disavanzo le stime sono per un ulteriore incremento nel 2020 al 165,8% del Pil dal 134,8% del 2019, a fronte di una flessione al 158,3% nel 2021 e al 152,6% nel 2025.

Ad oggi i numeri non tornano: Le previsioni alla base del DEF prevedevano come ipotesi di base un costante rimbalzo dell’economia a partire da Giugno 2019.Come era prevedibile con la semplice regola della “prudenza” di cui parla il nostro codice civile e con cui si redigono i bilanci e tutte le previsioni, il ritorno prepotente del contagio condizionerà le stime dell’ultimo trimestre e molto probabilmente quelle reali saranno molto più vicine a quelle del FMI.

Cosa succederà tra 15 mesi con un debito/pil al 170% circa e con un PIL in caduta di circa l’11% nel 2020 ed un rimbalzo del 6% per il 2021? Cosa succederà In un paese stremato in cui le tensioni sociali potrebbero sfociare in qualcosa di molto più drammatico ovviamente da evitare, torneremo a parlare di un paese in stagnazione? Torneremo ad essere un paese con la coperta corta e con le famose clausole di salvaguardia impossibilitato ed ingessato in tutte le politiche fiscali ed economiche? Se questi sono i dati, e purtroppo sono impietosi, la cosa peggiore che può fare un governo è nasconderli o far finta che tutto va bene con lo slogan ormai non più credibile “noi ne usciremo”. Giustamente, da una crisi si possono avere due soluzioni: piangersi addosso facendo le vittime e dare la responsabilità ad altri o cogliere l’opportunità per un rinnovamento della nostra burocrazia e della nostra economia.

Molti economisti si stanno cimentando su tale problema. Basta vedere lo studio di Banca Intesa guidato da Gregorio de Felice; le soluzioni proposte da Giavazzi ed Alesina, da Carlo Cottarelli, da Padoa Schioppa ed in ultimo le osservazioni della stessa Banca d’Italia: il problema è complesso in cui si intrecciano variabili dipendenti come il saldo primario, il livello dei tasi di interesse reale e nominale, l’impatto dell’Inflazione sino ad arrivare ad ipotizzare interventi non sul flusso ma sullo stock del debito come le privatizzazioni; le vendite dei beni dello stato oppure la ristrutturazione del debito o altro.

Al di là delle diverse modalità su come affrontare i numeri POST COVID-19 tutti non possiamo prescindere dal fatto che:

  • La situazione sociale ed economica del paese non permette più politiche di austerità come l’aumento delle tasse o la riduzione della spesa corrente
  • Vista l’entità dei numeri la sola inflazione non è più sufficiente per una sostanziale riduzione del debito e la stessa dovrebbe essere talmente alta che sarebbe possibile solo con l’uscita dall’euro e successiva svalutazione. Tale via non è certo auspicabile poiché porterebbe altri enormi squilibri.
  • La crescita reale tenendo fisso il numeratore e cioè il debito è l’unica strada percorribile per la sostenibilità del Paese senza operazioni di natura straordinaria per la riduzione del debito

(more…)